Progetto Il Sistema Concettuale 13: 3.1. Movimento di portamento e movimento di trasporto

Aus Kinaesthetics-Online-Fachlexikon
Version vom 24. Februar 2021, 10:40 Uhr von Stefan Marty-Teuber (Diskussion | Beiträge)
(Unterschied) ← Nächstältere Version | Aktuelle Version (Unterschied) | Nächstjüngere Version → (Unterschied)
Stato redatto con letteratura specialistica
Autore/Editore N. N./Sabine Kaserer
Ultima modifica 24.02.2021


Nota
Questa pagina viene aperta nell’ambito del “sondaggio sul Libro Il Sistema Concettuale”, del pool di risorse Curriculum e Ricerca della Associazione Europea Kinaesthetics (EKA). L’obiettivo è di raccogliere e discutere, sulla relativa pagina di discussione Progetto Il Sistema Concettuale 13: 3.1. Movimento di portamento e movimento di trasporto, le domande, le necessità di sviluppo, di aggiornamento e di confronto sulla comprensione dei concetti. Questo sondaggio/discussione dura circa un anno. La pagina rimarrà aperta fino a fine 2021.


Konzepticons-mit-kreis 311.png

1 3.1. „Movimento di portamento e movimento di trasporto

Per lo svolgimento di ogni attività è necessaria una componente del movimento che
garantisca una certa stabilità. Questa mantiene una relazione stabile tra le parti del
corpo, cioè le masse. Kinaesthetics definisce questa componente del movimento
come “movimento di portamento”. E’ necessaria però contemporaneamente anche
una componente del movimento che cambi la relazione delle masse l’una verso
l’altra, garantendo una relazione relativamente instabile tra le masse. Kinaesthetics
definisce questa componente del movimento come “movimento di trasporto”.
Mediante il gioco d’insieme tra movimento di portamento e movimento di trasporto
siamo in grado di “tenere”, in ogni momento, una certa relazione tra le masse, senza
per questo perdere la nostra agilità e possibilità di adattamento durante lo
svolgimento di un’attività.
La base anatomica sono i movimenti di portamento e di trasporto e i livelli di
movimento di portamento e di trasporto (cfr. capitolo 2.3.), cioè le masse e gli spazi intermedi (cfr. capitolo 2.2.).


31-detail-haltungsbew.jpg
Movimento di portamento
I movimenti di portamento si possono percepire come relativamente stabili. Si mostrano in spostamenti di peso
piuttosto piccoli attorno ad un unico asse all’interno
della singola massa e nell’effetto diretto sulle masse
confinanti. Servono a mantenere una relazione stabile
da massa a massa e hanno un effetto stabilizzante su
tutto il corpo.


31-detail-transportbew.jpg
Movimento di trasporto
I movimenti di trasporto si possono percepire come
relativamente instabili. Si mostrano in spostamenti di
peso di una singola massa nelle direzioni più differenti.
Utilizzano lo spazio degli spazi intermedi (cioè dei livelli
di movimento di trasporto) e possono cambiare la
relazione tra le masse in modi molteplici.“


Fonte: European Kinaesthetics Association (Ed.) (2020): Kinaesthetics. Il Sistema Concettuale. Responsabile delle traduzioni: Beate Scheidegger, Sara Pascal. Linz, Winterthur: Editore European Kinaesthetics Association. ISBN 978-3-903180-10-9. Pag. 32


2 Ausgewählte weiterführende Literatur

  • Asmussen-Clausen, Maren (2009): Praxisbuch Kinaesthetics. Erfahrungen zur individuellen Bewegungsunterstützung auf Basis der Kinästhetik. 2. Auflage. München, Jena: Elsevier, Urban und Fischer. ISBN 978-3-437-27570-8. S. 42 f.
  • Hatch, Frank; Maietta, Lenny (2003): Kinästhetik. Gesundheitsentwicklung und menschliche Aktivitäten. Übersetzung: Ute Villwock, Elisabeth Brock. 2., komplett überarbeitete Auflage. München, Jena: Urban und Fischer. ISBN 978-3-437-31467-4. S. 49 ff.
  • Maietta, Lenny; Hatch, Frank (2011): Kinaesthetics Infant Handling. Originalmanuskript aus dem Amerikanischen von Ute Villwock. 2., durchgesehene und aktualisierte Auflage. Bern [u. a.]: Hans Huber. ISBN 978-3-456-84987-4. S. 100 f.